8 MARZO – frasi belle sulle donne

 

8 MARZO - frasi belle sulle donne
8 MARZO – frasi belle sulle donne
Le donne forti amano i personaggi deboli del loro tempo, ma forti nel futuro.
Le donne forti amano fermare i pianti di chi sa.
Le donne forti sono forti e glielo puoi leggere addosso.
Le donne forti hanno sofferto.
Le donne forti non cedono per seguire altri esempi.
Le donne forti si creano, ma riescono a distruggersi cercando di capire perché si sono create così.
Le donne forti amano le soluzioni difficili, purtroppo capiscono che sono le uniche.
Le donne forti amano in modo diverso, amano forte.
Le donne più forti il più non lo conoscono, perché il più sono loro.
Erika Moon

C’è una bellezza del corpo e c’è una bellezza dell’Anima. La bellezza del corpo è ordinaria e transitoria: oggi c’è, domani forse no. E la bellezza del corpo è più negli occhi di chi guarda che nell’oggetto in sè: la stessa persona può apparire bella a qualcuno e brutta a qualcun altro. Ma la bellezza dell’Anima è qualcosa d’interiore, non è negli occhi dell’osservatore, perchè non può essere vista, può solo essere sentita. Non è una bellezza che può essere distrutta, nemmeno la morte può toccarla, è eterna.

Osho

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

§§§ IL CASSETTO DEI SOGNI §§§

Nella giovinezza apriamo spesso il cassetto dei sogni: ci piace sfogliarli, assaporarli, proiettarli mille volte nella mente. Con il passare degli anni, il gesto di aprire quel cassetto diventa meno familiare, come se una ruggine sottile bloccasse i nostri gesti. I sogni mai guardati impallidiscono, diventano trasparenti fino a essere invisibili.
Il cassetto dei sogni si svuota piano piano.
E pian piano, spesso senza che noi ce ne rendiamo conto, si riempie il cassetto dei rimpianti. Capita poi che un giorno, per un colpo di vento, un incontro, un sorriso, il cassetto dei sogni si riapra d’improvviso, riportando con violenza dolorosa, l’eco dei sogni non vissuti, delle carezze non date, delle parole perdute. Per ragioni misteriose, quel cassetto si riapre spesso intorno ai 40 anni, nelle donne, e intorno ai 50, negli uomini. Forse perché in quei momenti, si trova finalmente il tempo di fermarsi e di fare un bilancio della propria vita. Forse perché un evento esterno mette in discussione le nostre certezze, anche di futuro. Per esempio, quando la malattia o la morte di una persona cara ci obbligano a riconoscere l’assoluta brevità della vita, effimera come un sospiro. O quando una nostra crisi esistenziale sotterranea si veste dei colori dell’innamoramento. In questi momenti di verità con se stessi, e importante fermarsi. Per darsi il tempo di guardare quel cassetto dei sogni e quel cassetto dei rimpianti. Non ho detto che si debba assecondare “per forza” o “perchè tutte lo fanno” il furore di un’attrazione antica. Ma è importante riconoscere che c’è fame di emozioni, di tornare a sognare un po’, di riaprire quei margini di sorpresa che forse erano scomparsi dalla nostra vita troppo quieta. Passerà? Tutto passa. Ma il punto è come si vive quello che poi passa. “Tutti i mattini del mondo sono senza ritorno”, scrive Pascal Quignard nel libro delizioso -Tous le matin du monde-. Forse è questa consapevolezza struggente che avevamo rimosso e che un incontro può farcela ritrovare, insieme al coraggio di riaprire il cassetto dei sogni. Anche solo per un sorriso o una carezza. Non so se ci può bastare… Ma è un momento di meravigliosa intensità con cui sorprendersi di nuovo.

dal web

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Sono una donna felice, come lo dovrebbe essere qualunque donna nel riverbero di questa età luminosa. Ho debolezze eleganti e cicatrici charmantes. Non ho più illusioni sulla nobiltà delle persone e per questo so apprezzare la loro inestimabile arte di convivere con le proprie imperfezioni.

Alessandro Baricco – Questa storia

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

La donna, ha mille sfumature, dal giallo al verde, dal viola al nero, lei balla felice se riceve un bel messaggio, lei rimane in silenzio se qualcuno gli graffia il cuore, lei spera, lei aspetta, che la strada perduta possa riprenderla tra le sue braccia, la donna è convinta di sapere ciò che vuole ma poi, si accorge che nulla è come dovrebbe andare.

Ejay Ivan Lac

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Sono le donne difficili… quelle che hanno più amore da dare, ma non lo danno a chiunque. Quelle che parlano quando hanno qualcosa da dire. Quelle che hanno imparato a proteggersi e a proteggere. Quelle che non si accontentano più. Sono ledonne difficili, quelle che sanno distinguere i sorrisi della gente, quelli buoni da quelli no. Quelle che ti studiano bene, prima di aprirti il cuore. Quelle che non si stancano mai di cercare qualcuno che valga la pena. Quelle che vale la pena. Sono le donne difficili, quelle che sanno sentire il dolore degli altri. Quelle con l’anima vicina alla pelle. Quelle che vedono con mille occhi nascosti. Quelle che sognano a colori. Sono le donne difficili che sanno riconoscersi tra loro. Sono quelle che, quando la vita non ha alcun sapore, danno sapore alla vita.”

Alma Gjini

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *